Foto casi Prima e Dopo


Si tratta in questo caso di una signora di 56 anni in buone condizioni di salute, operata circa 25 anni prima, all’estero, di mastoplastica additiva per via periareolare.

Le protesi di allora pur essendo prodotte dalle migliori aziende del tempo non erano progettate per durare indefinitamente ed era comunque prevista una loro sostituzione dopo circa 10-15 anni.

La loro rottura e la conseguente fuoriuscita di gel non è comunque pericolosa perché rimane perfettamente sigillato nella tasca peri-protesica, in cui sono cioè accolte le protesi, costituita di spesso tessuto fibroso e calcifico.

Inevitabile però, ed anzi rappresenta uno dei segnali principali di rottura, la deformazione dei seni, qui ben visibile.

Si è proceduto, riutilizzando la vecchia cicatrice, alla rimozione delle vecchie protesi, irriconoscibili, alla rimozione completa della capsula che le avvolgeva ed all’impianto di nuove protesi, anatomiche, garantite per il resto della vita.
Prima
Intervento per cambio protesi mammarie rotte
Dopo
Intervento per cambio protesi mammarie rotte
Prima
Intervento per cambio protesi mammarie rotte
Dopo
Intervento per cambio protesi mammarie rotte