News

CORREZIONE DANNI INTERVENTI DI CHIRURGIA ESTETICA LOW COST 09-03-2015
Considerazioni sulla chirurgia estetica low-cost
Basta cercare su Internet informazioni su un qualsiasi trattamento medico estetico per ritrovarsi sommersi da ogni forma di offerte promozionali al ribasso più adatti agli scaffali di un supermercato che a cliniche o studi medici: ma quali sono i pericoli della chirurgia plastica low cost?


Si dirà che, facendo parte di un libero mercato, ciascuno è libero di offrire le proprie prestazioni al prezzo che ritiene più opportuno: vero.

Ma quali sono le reali voci di spesa di un intervento?

PRIMO - vi sono i costi relativi alla struttura clinica in cui avverrà il vostro trattamento o intervento chirurgico.
Questi costi sono direttamente proporzionali al livello qualitativo e al rispetto degli standard di sicurezza: tanto più, quanto più.
Un ambulatorio medico o una saletta chirurgica saranno molto meno costosi rispetto ad una clinica o un moderno Day-hospital organizzato secondo le rigorose direttive ministeriali e provvisto di moderni macchinari e strumentazioni mediche.
È un’idea saggia risparmiare sulla struttura medica scegliendeno una non attrezzata?

SECONDO - i materiali utilizzati per i trattamenti o interventi di chirurgia estetica sono spesso molto costosi.
Come per l’abbigliamento, per risparmiare molto è possibile acquistare merce non di marca al mercato rionale. Ma qui non si parla di vestiti.
Si pensi per esempio alle protesi mammarie: tra le numerosissime aziende produttrici nel mondo, ve sono alcune scadenti, altre di accettabile qualità, pochissime di eccellente qualità. I prezzi variano quindi da poche centinaia di euro fino ai 1000€ o più per le migliori che però potranno essere impiantate senza che la paziente corra alcun rischio e garantite per questo per tutta la sua vita.
Vale lo stesso per i prodotti iniettabili, come l’usatissimo acido ialuronico o la tossina botulinica: accanto alle migliori marche ve ne sono altre di provenienza diversa o dubbia che semplicemente non dovrebbero essere utilizzate perché lontane dagli standard di sicurezza e qualità richiesti.
È una buona idea risparmiare su un prodotto che dovrà essere iniettato o impiantato direttamente nel vostro corpo?

TERZO - il medico anestesista è il vero angelo garante della vostra sicurezza.
È intuibile che un neo-specializzato in cerca dei primi ingaggi possa accettare retribuzioni anche molto inferiori rispetto ad un collega più anziano, con molti anni ed esperienza professionale alle spalle.
Quale anestesista scegliereste per un vostro intervento?

QUARTO - anche per il chirurgo plastico (specialista cioè in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica) potremmo far valere le stesse considerazioni ed immaginare che il valore della sua prestazione sia proporzionato alla sua esperienza personale, abilità e capacità che, non dimentichiamo, è sempre frutto di lunghissimi, faticosissimi, costosissimi percorsi di studio e anni all’estero.
Certo, il nostro ordinamento consente però che ogni medico (generico, dentista, ortopedico, psichiatra che sia) possa esercitare tranquillamente la nostra stessa professione senza obbligo di possesso di specializzazione. Una scorciatoia breve e comoda.
Ma voi scegliereste un chirurgo alle prime armi e non specializzato?
intervento riparatore, la tematica dei pericoli della chirurgia plastica low cost è stata trattata anche dagli organi di informazione.

Spesso si rendono poi necessari anche interventi riparatori, per maggiori informazioni su come correggere i danni della chirurgia estetica low cost cliccare qui.