Ginecomastia

Candidato:

Sviluppo della mammella maschile mono- o bi-lateralemente
• Iper-sviluppo ghiandola mammaria
• Accumulo localizzato di grasso
• Obesità

Con il termine di ginecomastia s'intende un aumento di volume della regione mammaria maschile.
L'incidenza di tale condizione è molto elevata, anche oltre il 50% della popolazione maschile al di sopra dei 40 anni.
Nell'adulto la ginecomastia è frequentemente associata al sovrappeso (pseudo-ginecomastia), ad iper-sviluppo della ghiandola mammaria (ginecomastia vera) o ad una combinazione tra le due cose (ginecomastia mista).

Qualunque ne sia la causa, l'aspetto piuttosto femminile legato a questa condizione può essere causa di notevole disagio psicologico specie negli individui più giovani.

Alcune malattie possono presentarsi in associazione con la ginecomastia ed è quindi opportuno una valutazione clinica approfondita eventualmente integrata da altri esami specialistici per poterle escludere.

Il trattamento è esclusivamente chirurgico.

PRIMA VISITA

E' opportuno portare con sé con ogni tipo di documentazione clinica di interesse (cartelle cliniche, visite specialistiche ecc) per una corretta e completa raccolta anamnestica relativa allo stato di salute, malattie ereditarie , terapie in atto, allergie ecc.
Ciò garantirà di riconoscere per tempo eventuali controindicazioni o limitazioni alla chirurgia.

E’ necessario sottoporsi agli esami clinici pre-operatori prescritti.
Regola generale per ogni intervento chirurgico è la sospensione del fumo almeno due settimane prima e due dopo l’intervento, come pure evitare l’assunzione di aspirina ed altri farmaci anti-infiammatori che possono aumentare il rischio di sanguinamento.

Il mancato rispetto delle consegne pre-operatorie comporterà l’annullamento dell’intervento.

COME AVVIENE L'INTERVENTO E CHE TIPO DI ANESTESIA E' RICHIESTA?

La pseudo-ginecomastia è risolvibile con la liposcultura (anche in semplice anestesia locale) per eliminare la quantità di tessuto adiposo in eccesso.

Nella ginecomastia vera, quando invece si richiede l'asportazione della ghiandola mammaria, è necessaria la sedazione o l'anestesia generale.
Una piccola incisione lungo il margine inferiore di ciascuna areola è sufficiente per poter isolare e asportare l’eccesso di ghiandola mammaria.

E' DOLOROSO?

Non è un intervento particolarmente doloroso, specie se è stata utilizzata la liposcultura.
La maggior parte dei pazienti è concorde ne riferire un senso di indolenzimento simile a quello che si prova dopo un'intensa attività fisica in palestra

E IL PERIODO POST OPERATORIO?

Dovrà essere seguita la terapia antibiotica e antiinfiammatori prescritta dal chirurgo per la settimana successiva.

Nel caso di ginecomastia vera, è necessario l’utilizzo di piccoli drenaggi che vengono sfilati uno o più giorni dopo.

I punti esterni sono in materiale bio-degradabile e non devono essere rimossi.
In tutti i casi, sarà necessario indossare una guaina elastica giorno e notte per dieci-quindici giorni.

La normale attività quotidiana o lavorativa sedentaria può essere ripresa una settimana dopo nel caso di ginecomastia vera o due giorni dopo nel caso di pseudo-ginecomastia.

Un'attività fisica leggera può essere cominciata gradualmente a partire dalla seconda settimana dall'intervento.

Come accade per ogni altro intervento chirurgico è necessario attendere che i tempi di guarigione portino allo smaltimento di tutti gli effetti legati all’infiammazione acuta, in particola l’edema o gonfiore con una certa sensibile variazione tra caso e caso legata alla risposta e alla sensibilità individuale.

Di questo deve essere perfettamente edotto il paziente durante i precedenti colloqui perché possa accettare senza paure e con un po’ di pazienza i primi lividi come parte normale e inevitabile dei primi tempi post-operatori; in ogni caso la loro maggiore o minore persistenza non modificherà in alcun modo il risultato definitivo.

COMPLICANZE POST-OPERATORIE

Occasionalmente, si possono verificare piccoli ematomi o sieromi (soprattutto nella ginecomastia vera) che devono essere evacuati del chirurgo.

L’infezione è un evento raro ma più elevato nei pazienti diabetici scarsamente compensati o nei forti fumatori; deve essere affrontato con medicazioni e terapia antibiotica.

COSTI

I costi variano in relazione alla tecnica utilizzata: dai 2500-3000 € per le liposculture localizzate ai 4-5000 € per gli interventi più completi

SCHEDA TECNICA

Durata trattamento: da 30 minuti a 1 ora
Anestesia: locale o generale
Controlli : il giorno successivo e 7 giorni dopo
Ritorno alle normali attività: da 2 a 7 giorni
Costi: dai 2500-3000 € ai 4-5000